Un viaggio insolito lungo la Costa Ionica in Puglia alla scoperta dei tesori nascosti.  Si tratta di un tour che comprende tre notti in masseria in una zona ancora poco turistica che racchiude alcune riserve naturali di eccezionale valore naturalistico. Si va dalla Salina dei Monaci con i fenicotteri rosa, il Bosco Cuturi e Rosa Marina con la sua lecceta, la foce del fiume Chidro, l’incantevole paesaggio delle Dune di Campomarino, Porto Selvaggio e la sua pineta che si affaccia su splendide scogliere a picco sul mare, la Palude del Capitano e sue tipiche spunnulate (risorgive carsiche).Un territorio che, in base alle stagioni, inebria i visitatori con i profumi e i colori delle orchidee selvatiche, della fauna migratoria, il turchese ed il verde del mare.

Il soggiorno: per evitare di cambiare spesso albergo tutte le notti saranno in una masseria (una tipica dimora storica in campagna) poco distante dai luoghi che andremo a visitare e a breve distanza dal mare

Scarica il pdf dell’itinerario

Programma del tour in Costa Ionica in Puglia

Giorno 1

Arrivo all’aeroporto di Brindisi o Bari e a secondo dell’orario di arrivo, si inizia il tour con il Bosco di Cuturi e Rosa Marina (che rappresenta l’ultimo lembodi Foresta Oritana tanto cara a Federico II di Svevia) ed una passeggiata fra i suoi sentieri di macchia mediterranea e lecceta ad alto fusto, per continuare  con lo splendido scenario delle Dune di Campomarinodi Maruggio che si affacciano su un mare cristallino fra i profumi del timo, del ginepro e dell’elicriso e concludere con la struggente bellezza di uliveti secolari i cui tronchi sono stati scolpiti naturalmente dal vento e dal tempo. In primavera è possibile osservare le diverse specie di orchidee selvatiche. Pranzo e cena liberi e pernottamento in Masseria.

Giorno 2

Dopo la prima colazione, la mattinata è dedicata alla visita della Salina dei Monaci collegata al mare tramite un breve canale e con un’interessante flora (costituita da steppa salata, ginepro, mirto, ginestra, lentisco, gigli selvatici, etc.)e da una fauna stanziale e migratoria di rara bellezza (fenicotteri rosa, germani reali, aironi cinerini, garzette, cavalieri d’Italia, etc.). L’itinerario prosegue con la vicina Torre Colimena (una delle torri costiere costruite, principalmente nel 15° e 16° secolo, a difesa delle incursioni dei pirati turchi) e la foce del fiume Chidro, un breve fiume carsico preziosa fonte d’acqua dolce per le navi greco-romane che solcavano queste acque circa 2 millenni fa. Pranzo libero. Il pomeriggio è libero per godersi il mare, la masseria e la campagna. E’ tuttavia possibile organizzare delle immersioni (a pochi metri dalla costa e di profondità) per ammirare dei sarcofagi marmorei di età romana (frutto di un naufragio nelle acque antistanti il fiume Chidro) o l’originale foresta fossile di Torre Ovo.  Un’altra opportunità è costituita da un breve corso di riconoscimento di piante spontanee da utilizzare in cucina. Cena libera e pernottamento in Masseria.

Giorno 3

La giornata è dedicata al Parco di Porto Selvaggio per una passeggiata nel suo bosco di pini d’aleppo, la costa frastagliata in cui si alternano alte falesie rocciose e insenature con calette con scogli affioranti dal mare e le torri costiere d’avvistamento: Torre dell’Alto (una delle più imponenti torri costiere pugliesi tristemente famosa per il dirupo della Dannata da cui, secondo la leggenda, si lanciò nel vuoto una fanciulla per sfuggire allo ‘jusprimaenoctis’  – diritto della prima notte – imposto dal crudele duca locale, il famigerato ‘Guercio di Puglia’) , Torre Inserraglio e Torre Uluzzo (vicina all’omonima grotta, uno dei più importanti siti archeologici paleolitici del Salento). Pranzo libero e nel pomeriggio, l’itinerario continuacon la Palude del Capitano e le sue Spunnulate (sprofondate) ossia delle doline carsiche che sembrano delle piccole piscinette di acqua salmastra che punteggiano la scogliera bassa e termina nella piccola baia sabbiosa di Sant’Isidoro.

Al rientro, dopo una breve sosta al villaggio fantasma di Monteruga, piccolo borgo rurale creato con la Riforma Fondiaria nel dopoguerra ed abbandonato da circa 30 anni, arrivo in masseria per la cena e il pernottamento.

Giorno 4

Giornata libera da dedicare, in base all’orario di partenza e ai vostri interessi, ad un’altra escursione  naturalistica (un antico vigneto ad alberello, un’escursione in barca o in kayak lungo la costa, etc.), culturale (Taranto con la città vecchia ed il museo archeologico, Lecce lo splendore del Barocco, Oria borgo medievale con la Cripta delle Mummie, etc.), enogastronomica (Ceglie Messapica tempio della gastronomia pugliese, una lezione di cucina, una cantina vinicola o un frantoio per degustare il famoso Primitivo di Manduria o dell’ottimo olio extravergine d’oliva, etc.) … o semplicemente ad un po’ di sano relax e benessere o in masseria o al mare.Trasferimento all’aeroporto di Brindisi o Bari e partenza.

Per il tour in Costa Ionica in Puglia quote a partire da 1000 euro a persona minimo due partecipanti

La quota comprende:

  • Tutti i trasferimenti su base privata
  • Ingressi ai siti la’ dove ce ne fosse bisogno
  • 3 pernottamenti in formula bed and breakfast negli hotel/masserie
  • Guida in lingua durante tutto il tour
  • Assicurazioni medico bagaglio
  • Assistenza in loco di personale specializzato

La quota non comprende:

  • Tutti i pranzi e le cene

Tutto quanto non menzionato nella quota comprende

Pagamento
L’acquisto di un servizio potrà essere effettuato dal Cliente tramite bonifico o carta di credito.Per quanto riguarda il bonifico, il cliente dovrà comunicare a Puglia Private Tour i propri dati e conseguentemente riceverà il numero di iban su cui poter effettuare il pagamento. Se invece il pagamento avverrà con carta di credito o PayPal, il cliente dovrà comunicare via e.mail a Puglia Private Tour di aver scelto questa opzione e riceverà una richiesta di pagamento direttamente sul suo indirizzo di posta elettronica.
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.